Impegno sociale e comunicazione innovativa: due importanti iniziative di BERLIN-CHEMIE Menarini

Dallo scorso dicembre, anche la Germania – come molti altri Paesi del mondo – ha iniziato una fortissima campagna di vaccinazione anti Covid-19.

Parte del Gruppo farmaceutico dal 1992, BERLIN-CHEMIE ha voluto dare il proprio contributo nel creare una catena di montaggio in grado di far decollare la campagna vaccinale, coinvolgendo quanti più dipendenti possibili affinché prendessero parte all’iniziativa come volontari.
«Da azienda storica berlinese, ci siamo voluti impegnare in questo progetto così speciale per la nostra città, mettendoci il cuore in quanto cittadini – ha dichiarato Christian Matschke, direttore esecutivo TechOps di BERLIN-CHEMIE e responsabile del progetto – I volontari avevano tutti le competenze tecniche necessarie per trattare sostanze biologicamente sensibili come i vaccini e, quando il Senato di Berlino ci ha chiesto un aiuto per il progetto, siamo stati ben felici di supportarlo».
La filiale tedesca ha dato la possibilità ai dipendenti con competenze farmaceutiche di prestare servizio di volontariato durante le ore lavorative, per aiutare il personale medico a preparare le fiale di vaccino prima della somministrazione. Divisi in turni di cinque giorni a settimana, 150 dipendenti di BERLIN-CHEMIE hanno aderito alla proposta, contribuendo alla preparazione di ben 85.000 dosi somministrate nel centro vaccinazioni Arena Berlin nel distretto di Treptow-Köpenick, uno dei più grandi centri vaccinali della città, in cui vengono somministrare più di 5.000 dosi di vaccino al giorno. Tutte le fasi di lavoro dei volontari sono state inoltre monitorate attraverso controlli rigorosi e il sistema di quality assurance di BERLIN-CHEMIE.

Oltre al forte impegno sociale, la filiale tedesca fa trasparire un grande spirito innovativo.
Le novità arrivano infatti anche dal fronte della comunicazione, con un’iniziativa fresca ed originale: EinBlick, il podcast di BERLIN-CHEMIE. La politica sanitaria dell’azienda viene raccontata in un audio di 10 minuti, disponibile gratuitamente ogni venerdì a mezzogiorno da settembre 2020. Il nuovo format amplia ed integra la gamma delle informazioni offerte da BERLIN-CHEMIE, affiancando efficacemente la newsletter EinBlick che affronta, a sua volta, temi riguardanti la politica sanitaria e pubblicata ogni tre settimane. Il podcast propone in modo compatto e divertente le informazioni e le tendenze nell’ambito della politica sanitaria, della policy farmaceutica e nel settore della salute digitale, rivolgendosi non solo agli esperti ma a chiunque sia interessato agli sviluppi della politica sanitaria.
«Il riscontro positivo che abbiamo ricevuto conferma il valore del nostro servizio e stimola la nostra redazione, che pianifica ed implementa i topic settimana dopo settimana – afferma Susanne Eble, responsabile dell’Healthcare Management ed iniziatrice del podcast di EinBlick». Secondo i sondaggi, circa 14 milioni di utenti in Germania ascoltano regolarmente i podcast. Di questi, uno su tre ha meno di trent’anni, nonostante ad avvicinarsi progressivamente a questo nuovo mondo siano in costante aumento i cinquantenni.
«Grazie alla crescente diffusione e ai vantaggi che questo mezzo comporta in termini di fruizione, stiamo attualmente progettando di aggiungere un podcast con interviste a rinomati esperti che risponderanno alle nostre domande», aggiunge Susanne Eble.

Col suo altruismo nel fornire aiuti per la campagna vaccinale e la distribuzione di contenuti su canali di comunicazione innovativi, BERLIN-CHEMIE – un hub importante e il sito produttivo più grande del Gruppo Menarini – dimostra concretamente di operare al servizio dei cittadini, dando un’ulteriore prova del proprio impegno sociale a 360° in risposta ai bisogni della collettività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.